Tales of Faith and Lunacy

Tales of Faith and Lunacy is a visionary story with a cinematic flavor, a timeless journey conceived in a personal vision of faith between spirituality and passion. The album unfolds in a desert landscape where medieval European mystical influences blend with the flavour of the American West to weave a gloomy, minimal psychedelia. Hypnotic ballads press to the rhythm of a horseback ride through the dusty prairies, where echoes of holy women appear in the heat of the day and in the chill of the night, including Mechthild Von Magdeburg, a thirteenth-century Christian mystic, whose writings are quoted in the album. Readings with a gospel ring converge in a crescendo of old-time organ and string music.

† Psych dark folk album recorded with songwriter and guitarist Nero Kane, published with Berlin label Nasoni Records (vinyl LP) and the Italian labels BloodRock Records (CD) and Anacortes Records (cassette), produced by Matt Bordin Outside Inside Studio, Montebelluna, Italy, guest violinist Nicola Manzan, release date October 30th, 2020.

Music by Nero Kane, performed by Nero Kane, Samantha Stella, Matt Bordin, Nicola Manzan
Lyrics and vocals by Nero Kane and Samantha Stella

Lord Won't Come
short film by Samantha Stella for the launch of the album, Usa/Italy 2020, première Rumore Magazine (IT) and It's Psychedelic Baby Magazine (SLO).


Critical introduction by Raphaël Duprez (Indiemusic, France):

"Alternating pale glows and skin-deep emotional darkness, Tales of Faith and Lunacy moves inexorably along a dark folk Via Crucis whose thundering pains are throbbing and epidermal. A wild road, where the same cinematography of music needs only our imagination and our suffering.

Every god deserves his due. Sooner or later it will come for him, surely when the lonely walker least expects it. It is not necessary to sink into blasphemy to attract the attention of higher beings; just touch their tired hands, which hang from gray and exhausted skies. Nero Kane has frequented this limbo, its doubts and the emergence of a dark energy, a cursed and pagan stone that has condemned him to eternal wandering. Transported by who will remain his inspirational muse for centuries to come, Samantha Stella, walks, without a reference point, without a goal. Tales of Faith and Lunacy is poised between the need to believe in something and the sad truth he discovered during the gestation of his Magnum Opus. In the abandoned plains where the bodies of the most reckless - or the most foolish - lie restless, he looked at the distant sun, its dull splendor gave him no reflection. Subject to temptation, he preferred to set his wishes and fantasies to music. And consume them until they are reduced to ashes scattered all over the Earth. The album is an inconsolable pain, the funeral testimony of a search whose seemingly unattainable goal was not what Nero Kane expected. In search of enlightenment, he found humanity in its most deplorable and miserable state. It is here that his mission has taken on all its meaning: Tales of Faith and Lunacy is a gaze full of lucidity and madness, the esoteric visions that it projects gnaw until it suffocates us. With its splendid unhealthy charmer, the record creates a sonic scale that overwhelms the most rational images. The religious references remain the ghosts that haunt the corridors of the soul of the composer and his partner, their sacrificial songs that hit us head on and upset all our beliefs. Between sunrise and sunset, these seven stages of an infinite road bring neither rest nor confusion; they are living beings, creatures of day and night that slowly turn around us to make our blood flow to extreme vertigo, when we fall and our only salvation depends on two consciences that have survived the unthinkable and wrote the testimony of the final test. A marvel of heavenly prayers and silences, unanswered existential questions, Tales of Faith and Lunacy writes, on the scroll of the ages, modern legends of an inevitable and magnificent agony. The epitome of faith and doubt, revelation and uncertainty."




Tales of Faith and Lunacy è un racconto visionario dal sapore cinematografico, un viaggio atemporale concepito in una personale visione di fede tra spiritualità e passionalità. L’album si snoda in un paesaggio desertico dove suggestioni mistiche europee medioevali si mischiano a sapori western americani, a tessere una psichedelia minimale e cupa. Ballate ipnotiche incalzano al ritmo di una cavalcata tra praterie polverose, dove nel calore del giorno e nel freddo della notte, appaiono echi di figure sante, come Mechthild Von Madgeburg, mistica cristiana del XIII° secolo di cui è citato un verso tratto dai suoi scritti. E ancora, reading dai richiami gospel confluiscono in un crescendo di organi e archi dal sapore antico.


† Album psych dark folk registrato con il songwriter e chitarrista Nero Kane, pubblicato dall'etichetta berlinese Nasoni Records (LP in vinile) e dalle italiane BloodRock Records (CD) e Anacortes Records (cassetta), prodotto da Matt Bordin Outside Inside Studio, Montebelluna, violinista ospite Nicola Manzan, data di uscita 30 Ottobre 2020.

Musiche di Nero Kane, performate da Nero Kane, Samantha Stella, Matt Bordin, Nicola Manzan
Testi e voce di Nero Kane e Samantha Stella

† Lord Won't Come
cortometraggio di Samantha Stella per il lancio dell'album, Usa/Italia 2020, première Rumore Magazine (IT) and It's Psychedelic Baby Magazine (SLO).


Introduzione critica di Raphael Duprez, Indiemusic France:

"Alternando pallidi bagliori e oscurità emotiva profonda dentro la pelle, *Tales of Faith and Lunacy* si muove inesorabilmente lungo una Via Crucis dark folk i cui dolori travolgenti sono palpitanti ed epidermici. Una strada selvaggia, dove la stessa cinematografia della musica non ha bisogno che della nostra immaginazione e della nostra sofferenza.

Ogni dio merita ciò che gli è dovuto. Prima o poi verrà a prenderlo, sicuramente quando il camminatore solitario meno se lo aspetta. Non è necessario sprofondare nella bestemmia per attirare l'attenzione delle divinità; basta sfiorare le loro mani stanche, che pendono da cieli grigi ed esausti. Nero Kane ha frequentato questo limbo, i dubbi e l'emergere di un'energia oscura, una pietra maledetta e pagana che lo ha condannato all'eterno vagabondaggio. Trasportato da quella che rimarrà la sua musa ispiratrice per i secoli a venire, Samantha Stella, cammina, senza un punto di riferimento, senza una meta. *Tales of Faith and Lunacy* è in bilico tra il bisogno di credere in qualcosa e la triste verità che ha scoperto durante la gestazione del suo Magnum Opus. Nelle pianure abbandonate dove i corpi dei più spericolati - o dei più sciocchi - giacciono irrequieti, guardava il sole in lontananza, il suo opaco splendore non gli dava alcun riflesso. Soggetto alla tentazione, ha preferito mettere in musica i suoi desideri e le sue fantasie. E consumarli finché non siano ridotti in cenere sparsa per tutta la Terra. L'album è un dolore inconsolabile, la testimonianza funebre di una ricerca il cui obiettivo apparentemente irraggiungibile non era quello che Nero Kane si aspettava. Alla ricerca dell'illuminazione, ha trovato l'umanità nel suo stato più deplorevole e miserabile. È qui che la sua missione ha assunto tutto il suo significato: *Tales of Faith and Lunacy* è uno sguardo pieno di lucidità e follia, le visioni esoteriche che proietta rosicchiano fino a soffocarci. Con la sua splendida incantatrice insalubrità, il disco crea una scala sonora che travolge le immagini più razionali. I riferimenti religiosi rimangono i fantasmi che infestano i corridoi dell'anima del compositore e della sua compagna, le loro canzoni sacrificali che ci colpiscono frontalmente e sconvolgono tutte le nostre convinzioni. Tra l'alba e il tramonto, queste sette tappe di una strada infinita non portano né riposo né confusione; sono esseri vivi, creature del giorno e della notte che ci girano lentamente intorno per farci scorrere il sangue fino alle vertigini estreme, quando cadiamo e la nostra unica salvezza dipende da due coscienze che sono sopravvissute all'impensabile e hanno scritto la testimonianza della prova finale. Una meraviglia di preghiere e silenzi celesti, domande esistenziali senza risposta, *Tales of Faith and Lunacy* scrive, sulle pergamene dei secoli, leggende moderne di un'inevitabile e magnifica agonia. L'epitome di fede e dubbio, rivelazione e incertezza."